Qual’è la Durata Ottimale per Animazione dell’Interfaccia?

Nel 1991, per cinque milioni di persone, c'era solo un sito web. Oggi la situazione è diversa – c'è ne uno per ogni sette persone. 25 anni di sviluppo di Internet ha dato agli sviluppatori tante conoscenze su come la gente interagisce con l'interfaccia. Tuttavia, due interfacce simili, che differiscono solo in alcuni elementi minori possono causare un'esperienza utente completamente diversa.

Uno dei fattori che influenzano la percezione dell'interfaccia è la sua interattività. È il modo in cui una persona interagisce con essa. Il design interattivo descrive cosa accade all'oggetto tra i suoi due stati statici. A differenza dei altri campi, è focalizzato sul movimento – su tempo e la posizione di un oggetto nello spazio.

Visualizzazione del Pericolo

Uomo – il prodotto di centinaia di migliaia di anni di evoluzione. La nostra esistenza è possibile per la capacità di riconoscimento del pericoloVisione – un elemento essenziale che determina se ci sentiamo al sicuro. Le caratteristiche visive – il contrasto, la scala, il movimento – ci aiutano a sentire l'ambiente. Determinazione del Tempo – periodo in cui le proprietà visive dell'oggetto si cambiano – ci aiuta a determinare gli elementi innaturali nell'ambiente. Ad esempio, quando cammini attraverso la foresta e avverti un fruscio, concentri subito la tua attenzione. L'evoluzione ha fatto sì che le persone hanno imparato ad accettare le modifiche agli oggetti, e dopo un certo periodo di tempo non vengono più considerate come un pericolo.

Il senso del tempo nelle persone – è la loro comprensione della combinazione di leggi fisiche: gravità, conservazione dell'energia, la teoria della relatività. Il mondo fisico intorno a noi – questa è "l'interfaccia utente" principale, che ha dato luogo ad aspettative di un'interfaccia digitale. Di conseguenza, quando l'applicazione utente sembra innaturale, succede perché l'animazione non corrisponde alle leggi fisiche che vengono usati per essere guidati dal popolo.

Equilibrio

Cambiamento rapido nell'interfaccia la rende difficile da vedere e da capire. Lentezza, al contrario, rallenta il movimento dell'utente. Per aiutare l'utente a comprendere l'animazione, la posizione degli oggetti e non trattenerli sulla strada verso l'obiettivo, i progettisti devono calcolare il momento ottimale.

Gli sviluppatori di applicazioni popolari come Gmail, Airbnb, e Dropbox hanno dovuto effettuare una enorme quantità dei test per determinare il momento ottimale che è chiaro a milioni di utenti.

Dalle foto alla comprensione

Guardando la foto, il processo della sua realizzazione – un percorso lineare, che comprende l'attenzione e la consapevolezza della persona riguardo all'oggetto.

Attenzione – è un processo in cui il cervello elabora input visivi e definisce quelli che devono fermarsi. Grazie all'attenzione, la gente può ignorare certe cose e concentrarsi su quelle giuste; quando parla, per esempio.

Consapevolezza – la capacità di interpretare l'attenzione. Mentre attenzione attiva la parte visiva del cervello, la coscienza usa tutto il cervello per indurre la persona alla fase successiva – la comprensione.

Animazione dovrebbe possedere tali caratteristiche, per attirare l'attenzione di una persona. È importante utilizzare elementi di visualizzazione, come il contrasto, la scala, movimento e ripetizione, per avere maggiori possibilità di essere visti. Tutto ciò avviene nei primi 60-80 ms.

Dopo che il cervello umano ha rivolto la sua attenzione su un oggetto, arriva la fase di coscienza. Questo è il periodo in cui le persone sono consapevoli del fatto che qualcosa sta accadendo, ma non sanno cosa esattamente. La consapevolezza deriva in 100-150 ms. Per capire cosa esattamente sta accadendo, sono necessari 150-200 ms.

I limiti della conoscenza umana

Una quantità minima di tempo è necessaria alle persone per elaborare e capire ciò che vedono. Il fatto che gli sviluppatori possono visualizzare istantaneamente la nuova interfaccia non significa che gli utenti saranno in grado di osservarla e capire. La quantità minima di tempo che ci vuole ad una persona a percepire l'animazione è 150 millisecondi.

Resta da vedere quanto tempo l'utente può attendere per l'animazione. Gli studi dimostrano che lunghe attese portano solo al fallimento. Quando le persone capiscono che l'animazione si svolge in modo innaturale e prende troppo tempo, questo rovina il suo aspetto. È molto probabile che l'utente smetterà di usare il servizio.

Le persone cambiano la posizione della pupilla tre volte al secondo. Gli esseri umani e la maggior parte degli animali valutano sempre dintorni. È programmato dalla natura; una persona non può controllare la velocità o frequenza dei movimenti oculari. L'occhio si sposta il più rapidamente possibile, e ciascuna sua fissazione richiede circa 350 millisecondi.

Pertanto, la lunghezza massima dell'animazione non deve superare i 350 ms. Trascorso questo tempo, la natura umana costringe l'occhio a spostare l'attenzione su un altro oggetto.

Questo articolo è stato tradotto da inglese. L’originale puoi trovare qui: What is the Optimal Duration of the Animation Interface?